Cerimonia di premiazione. Concorso letterario “Io, nelle vesti di scrittore” V Edizione

Il  concorso letterario si fa mezzo e strumento “urgente e utilissimo”, perché gli alunni si possano “fermare a guardare le parole, a soppesarne quasi il sapore, ad usarle per evocare i pensieri e le emozioni più profonde attraverso la scrittura” in versi ed in prosa specie in un mondo in cui la comunicazione sta diventando troppo veloce, caotica e superficiale”. (G. Lauretano)

foto e commento della cerimonia: concorso letterario. Cerimonia di premiazione 2017

un anno di scuola media, la 1^D si racconta…

La 1^ D  si racconta…

“Il primo anno è stato un lungo percorso di novità e di incontri che ci hanno fatto crescere sia nelle conoscenze che nell’amicizia tra noi compagni sempre sotto la guida dei nostri validi insegnanti, pronti ad indicarci la strada verso la costruzione della nostra personalità.”

I “tableaux vivants”

I “tableaux vivants” delle classi 2B e 2F dell’IC Caio Giulio Cesare

arte 16.17 tableaux vivantI limiti per esprimere sentimenti, emozioni e raffigurare quanto ci circonda, sono veramente infiniti! L’hanno dimostrato i ragazzi dell’IC “Caio Giulio Cesare” di Osimo, che durante le ultime ore di lezione di Arte e immagine dell’a.s.2016-17 sono diventati attori per un giorno calandosi nei panni di soggetti ritratti dal grande artista seicentesco Caravaggio. Mentre alcuni studiavano le espressioni e le posizioni dei soggetti ritratti,  c’era chi, da abile regista, aiutava nella composizione dell’opera i compagni già presi nella parte, chi riprendeva la preparazione con tablet e chi fotografava “l’opera vivente”.  Che dire, una attività bellissima che ha dato risultati sorprendenti!

Le foto che seguono sono solo alcune delle tantissime scattate dagli studenti!

Il Fai ad Offagna: laddove la Scuola incontra la cultura e… la storia.

FAI Offagna 16.17Sono state organizzate alcune visite guidate con la partecipazione di guide d’eccezione, i vari Ciceroni, giovani studenti delle Scuole I.C. Caio Giulio Cesare di Offagna e I.C. Falconara Centro – scuola secondaria di primo grado “C. Giulio Cesare”, che, grazie alla preparazione dei loro docenti, hanno portato i visitatori alla scoperta della storia e delle curiosità sulla bellissima Rocca di Offagna.I ragazzi sono stati premiati con un attestato il 13 maggio scorso, alla presenza del DS, delle insegnanti Vilone, Meschini e Barontini, le rappresentanti del FAI ed i genitori.Lodevole l’impegno e la partecipazione degli studenti, nel solco dei nuovi indirizzi indicati dalla scuola italiana rispetto al possesso delle competenze. Parafrasando una vecchia canzone di Gino Paoli ‘’questa scuola non ha più pareti…’’. Il futuro della scuola è proprio nella capacità che avrà di sapersi inserire nel tessuto sociale, economico e soprattutto culturale locale. E’ finito il tempo della turris eburnea scolastica, cioè di una scuola aggrappata ad un sapere autoreferenziale e refrattario alle suggestioni provenienti dalla società. Questo vale in particolare per la Storia. I programmi ministeriali di tale disciplina invitano i docenti  a calare gli avvenimenti, le tematiche generali nella realtà storica locale. Dall’universale al particolare, ma anche dal locale al mondiale, per un uso consapevole della Storia, legato alla conoscenza del proprio territorio , delle proprie tradizioni culturali, dei propri monumenti, musei, opere d’arte. In questa direzione sono auspicabili molte altre iniziative come quella organizzata dal Fai atte a rendere gli studenti cittadini del futuro consapevoli del proprio passato.